Psico-oncologia

Gli effetti emotivi del cancro al seno

Una diagnosi di cancro al seno può avere un impatto significativo sul benessere fisico, psicologico ed emotivo delle pazienti e delle loro famiglie. Tutti hanno bisogno di sostegno durante i momenti difficili, soprattutto quando si tratta di una malattia grave. Avere a che fare con il cancro è probabilmente una delle situazioni più stressanti che una persona possa mai affrontare. Non esiste un modo giusto o sbagliato di far fronte. Solo ciò che è giusto per la persona: fondamentale risulta essere il tempo per adattamento alla nuova condizione e avere aspettative realistiche.

Le sfide  della nuova condizione comprendono l’adeguamento alla malattia; lo stress delle cure mediche; bisogni emotivi; ceppi di depressione, ansia, relazioni e caregiving; far fronte a dolore, insonnia e altri sintomi; e altro ancora.

Le pazienti e i chi li assiste hanno spesso bisogno di supporto a breve termine e a lungo termine per aiutarli ad affrontare queste difficoltà emotive e problemi di salute mentale.

Il servizio di psico-oncologia è specializzato in problemi emotivi e problemi di salute mentale ed esiste per fornire assistenza di supporto alle pazienti e alle loro famiglie dalla diagnosi alla vita oltre il cancro. Il servizio è fornito da un team multidisciplinare che includere uno psichiatra, un consulente, uno psicoterapeuta e infermiere specializzate. Insieme, questo personale appositamente formato aiuta i pazienti e le loro famiglie ad affrontare uno spettro di problemi che includono ansia, depressione, difficoltà relazionali e altre preoccupazioni legate al cancro e al suo trattamento a breve o lungo termine. Il team di psico-oncologia lavora a stretto contatto con altri membri dello staff che offrono supporto specialistico e riabilitazione.  Chiunque ritenga di poter beneficiare di questi servizi dovrebbe parlare con il proprio medico di famiglia, oncologo, chirurgo o specialista in oncologia e chiedere di essere indirizzato.

Problemi psicologici

Quando si discute il seno femminile, si deve prendere in considerazione il suo valore come qualcosa di più di una semplice parte anatomica del corpo: la sua importanza si basa sia sul contesto che sulle influenze culturali. Un seno è parte di un essere umano vivente e le percezioni e gli atteggiamenti culturali possono influire sul suo significato. Nella società occidentale il seno ha un ruolo molto sessuale, ma i seni possono essere visti anche in termini di funzione (riproduzione e allattamento), cosmesi, emozione e psicologia.   Per secoli, il seno femminile è stato un soggetto popolare in letteratura, poesia e pittura. I seni sono considerati un simbolo di femminilità e bellezza. Il loro significato funzionale è interculturale per quanto riguarda la maternità e il legame che accompagna l’allattamento materno tra una madre e il suo bambino.

Al contrario, nelle culture orientali, sudamericane e africane, le connotazioni associate al seno femminile sono meno sessuali: in queste società molte altre parti del corpo o caratteristiche influenzano l’attrazione sessuale.

Il seno costituisce quindi una parte indispensabile del corpo femminile che fa sentire le donne integre; pertanto la sua perdita può essere estremamente dolorosa. Questo grado di difficoltà varia da individuo a individuo. La percezione dell’attrattiva può essere influenzata dall’opinione degli altri. L’immagine di sé è anche determinata dai media,  il che ha un impatto significativo nell’epoca moderna. Sentirsi bene con se stessi può non essere determinato dall’aspetto: riguarda il benessere fisico, mentale e sociale. La società si concentra spesso solo su frammenti, parti di un individuo: i suoi fianchi, le sue cosce e, soprattutto nella cultura occidentale, i suoi seni. Ma cosa succede se questa parte viene persa definitivamente effettivamente? E che dire dell’effetto sulla persona nel suo insieme?

Il seno e la chirurgia ricostruttiva

La diagnosi di cancro colpisce le profondità dell’integrità fisica e mentale di una donna. Il significato del seno assume una dimensione completamente nuova; non solo l’organo stesso è interessato, ma diventa un nemico del corpo nel suo insieme.

Le donne sono quindi costrette a cercare un trattamento per quel seno, non solo per ripristinare la propria immagine di sé, ma anche per i benefici per la salute in generale. Dopo l’intervento chirurgico, la connessione con il corpo deve essere riscoperta. La “mutilazione” del seno, una parte dell’intera persona, è un’esperienza piuttosto intensa: il modo in cui viene gestita questa emozione e la malattia, gioca un ruolo estremamente importante nella  guarigione. Non è solo un processo fisico ma anche di adattamento psicologico.

Si possono sperimentare sentimenti di paura, vergogna, insicurezza, rabbia e frustrazione. L’equilibrio come donna, letteralmente e figurativamente, ha bisogno di  un cambiamento: all’inizio del processo del cancro, l’intimità e la sessualità in particolare, sono di solito colpite. Nel tempo, una volta terminato il trattamento, una donna e il suo partner di solito trovano un nuovo equilibrio. La soddisfazione sessuale dopo la malattia può essere correlata sulla base della salute psicologica generale e della soddisfazione di una relazione. La misura in cui il seno è stato danneggiato, sembra avere poco impatto. Una coppia che, nonostante il periodo difficile di malattia e trattamento, si sostiene emotivamente e continua a condividere l’intimità attraverso, una condivisione di emozioni, ritorna generalmente ad una vita sessuale pienamente soddisfacente, perché entrambi i partner hanno già una grande familiarità con i cambiamenti fisici che si sono verificati   Il contatto fisico è importante; pertanto  è necessaria una familiarizzazione con il  cambiamento avvenuto nel corpo.

Sfortunatamente, per le coppie in cui si è manifestata una distanza durante la malattia, spesso prevale una sensazione di disagio. La comunicazione aperta è vitale; perche facilmente si verificano incomprensioni; se queste paure rimangono inespresse, una donna a volte pensa di non essere più attraente per il suo partner, portando a ulteriori problemi psicologici. Questi fatti indicano chiaramente che è estremamente importante che le paure di entrambi i partner siano identificate e discusse apertamente come parte di una relazione personale e intima. È ovvio che una mancanza di supporto emotivo può portare a malintesi reciproci. Se si verifica una condizione simile, può il reciproco evitamento può intensificarsi e provocare  e una crescente distanza psicologica, facendo sentire le coppie come estranei che vivono fianco a fianco.

Per molte donne, la ricostruzione del seno può offrire una soluzione: dopo una ricostruzione immediata, quando la mastectomia e la ricostruzione del seno vengono eseguite nello stesso momento, le donne spesso non sentono di aver perso un seno. Questo è psicologicamente molto importante. La sensazione di perdere un seno può essere devastante per l’immagine del corpo di alcune donne. Anche nelle ricostruzioni differite, in cui la ricostruzione avviene a distanza di un lungo periodo, essa costituisce un evento positivo. Ancora una volta il beneficio psicologico è spesso impressionante quanto quello fisico: poiché ill divario sotto la camicia, il reggiseno, il bikini è un costante promemoria della perdita subita, un’associazione permanente con la malattia, durante un periodo della tua vita che si vorrebbe dimenticare.

Tuttavia, vale la pena ricordare che non esiste molta ricerca psicologica sulla ricostruzione del seno e che la decisione di effettuarla è molto personale. La pratica dimostra che la maggior parte delle donne raggiunge questa decisione da sola e solo raramente una donna sceglie una ricostruzione a causa della pressione del suo partner. Al contrario, la ricerca mostra che i partner preferirebbero che la persona amata evitasse ogni operazione aggiuntiva, se possibile.   Di solito una donna sceglie di procedere in base ai propri sentimenti interiori e alla percezione del proprio corpo. Ciò non significa che le discussioni aperte con un partner sull’intervento chirurgico non siano significative. Al contrario, un partner ha anche bisogno di tempo sufficiente per adattarsi al cambiamento. Il desiderio di essere percepiti come attraeti va oltre l’aspetto esteriore, è qualcosa di molto intimo e personale.